Ansel Adams. Scatti e ritratti da Manzanar

Ansel Adams. Scatti e ritratti da Manzanar

Il prossimo incontro in galleria con i fotografi dell'archivio americano è in programma per il 22 settembre da PhotoFactory.

Ansel Adams. Scatti e ritratti da Manzanar

Questa volta il tema sarà di taglio storico e comparativo; si affronterà da vicino un aspetto del tutto particolare e meno conosciuto della fotografia di Ansel Adams: ritratti e scene di vita interne al campo di reclusione giapponese - americano di Manzanar.

Le fotografie esposte fanno parte di una serie di scatti realizzati da Ansel Adams in uno dei più grandi centri di isolamento creati dagli americani in seguito all'attacco giapponese di Pearl Harbour. Il trasferimento e successivo internamento dei giapponesi - americani residenti lungo le coste del Pacifico degli USA fu eseguito tra 1941 e 1944, quando l'allora presidente Franklin D. Rooslvelt prese drastiche contromisure all'attacco giapponese. In seguito al noto Ordine Esecutivo 9066 del 19 febbraio 1942, tutte le persone di origine giapponese della California e degli stati dell'Oregon, Washington e Arizona furono allontanate e internate. I giapponesi - americani furono prelevati dalle proprie abitazioni perdendo attività lavorative e beni personali. Le fotografie scattate da importanti nomi di fotografi che hanno segnato inevitabilmente la storia della fotografia come Dorothea Lange, Fenno Jacobs e Ansel Adams, hanno dato al mondo un diverso punto di vista capace di raccontare la vita quotidiana dei reclusi; si tratta di scene di vita di bambini, uomini e donne al lavoro, il tutto ambientato all'interno o all'esterno di standardizzati alloggi in legno, veri e propri campi della spersonalizzazione umana. Tali luoghi (o non luoghi) di cui Manzanar costituisce solo uno degli esempi più noti, furono allestiti e attrezzati dalla War Relocation Authorithy degli Stati Uniti, l'agenzia per la quale i fotografi sopracitati hanno svolto campagne di documentazione importanti, sulla scia della passata attività condotta dagli stessi per la Farm Security Administration. Le fotografie di Adams furono in seguito pubblicate in un fotolibro dal titolo Born free and equal nel 1944 con fotografie e testi di Ansel Adams. Conosciuto maggiormente per i suoi paesaggi dalle incredibili tonalità del bianco e nero, Adams rivela in questo contesto un volto di straordinario interesse grazie alla sua capacità, unica e inconfondibile, di segnare la personalità di soggetti tramite la fotografia di ritratto. Con queste immagini infatti l'autore non si limita a documentare la vita dei reclusi, ma ne ricerca la personalità, ne guarda l'umanità restituendo al mondo uno sguardo inedito, diverso da quello di altri fotografi suoi colleghi. Durante l'incontro di presentazione guidata alla mostra si proporrà quindi un taglio a carattere storico, che ripercorra il momento del post - Pearl Harbour mettendo in risalto gli aspetti cruciali della vita dei grandi campi di internamento. Successivamente sarà approfondito il tema del ritratto giocando sulle comparazioni stilistico-culturali tra fotografi dello stesso periodo; verranno presi in esame i lavori più noti e gli aneddoti che hanno accompagnato la loro realizzazione.

Ansel Adams. Scatti e ritratti da Manzanar
22 SETTEMBRE 2017 vernissage ore 17:00 Intervento di Martina Massarente
PhotoFactory, Vico di San Matteo, 10 R - Sabato 23 Settembre // Sabato 07 Ottobre
Mattino: 11:00 - 12:00 // Pomeriggio: 16:00 - 17:00
L'evento è gratuito e ad ingresso libero ed è gradita la prenotazione


Aiko Hamaguchi Nurse Manzanar Skirball
Entrance To Manzanar Skirball
200263
400302
500354

congresso americano, Incontri Fotografici

Orario
  • Lunedì Chiuso
  • Martedì 10:00-14:00 / Pomeriggio Chiuso
  • Mercoledì Mattino Chiuso / 13:30-17:30
  • Giovedì Mattino Chiuso / 13:30-17:30
  • Venerdì 10:30-13:00 / 14:00-19:00
  • Sabato 10:30-13:00 / 14:30-19:00
  • Domenica Chiuso
PHOTOFACTORY Vico di San Matteo 10/R · 16123 GE · Tel. +39.0108602512
©2018 Atticom S.r.l. P.IVA IT01553370998
PhotoFactory